La mia pausa estiva è durata leggermente più del previsto, la cosa mi è un tantino sfuggita di mano. Sono diventata un’incorreggibile pigrona, ecco cosa c’è! Di cosine buone ne ho preparate in questi mesi, e chi mi segue su Facebook o Instagram lo sa. Ma voglia di preparare il set, di fotografare, di scrivere nada.. Però oggi un bel pane morbido e invitante ve lo voglio lasciare. Ho usato la mitica Petra ed è nato per lei un amore incontenibile. Va da sé che la si può sostituire con la farina preferita, a patto che sia forte a sufficienza per la panificazione.
IMG_0956
Ingredienti:
500 gr di farina Petra 3
300 gr di acqua tiepida
21 gr di lievito madre essiccato
3 cucchiai di olio extravergine
10 gr di sale fino
Un cucchiaino di malto d’orzo
Un cucchiaio di semi di girasole
Un cucchiaio di semi di zucca
Un cucchiaio di semi di papavero
Un cucchiaio di semi di lino
Un cucchiaio di semi di sesamo
altri semi misti per la superficie

Nella ciotola della planetaria mettere l’acqua con il malto e farlo sciogliere per bene. Incorporare poco a poco la farina già mescolata al lievito e al sale e lavorare gli ingredienti a velocità medio bassa. Io che ho un Kenwood uso la Vel.2.
Quando l’impasto inizia a compattarsi e ad incordarsi, versare uno per volta i cucchiai di olio e successivamente i semi, continuando a lavorare a velocità 2.
Una volta che i semini saranno perfettamente incorporati, spegnere la macchina e spostare la massa su un piano di lavoro per lavorarlo un altro paio di minuti e pirlarlo.
Riporlo in una ciotola lievemente unta in un luogo chiuso. Io mi trovo bene lasciandolo nel forno spento con la sola luce accesa.
Trascorso il tempo necessario per raddoppiare il volume della massa, riprenderla e sgonfiarla sul piano di lavoro; praticare alcune pieghe a portafoglio per ottenere infine un rettangolo da arrotolare su se stesso per il lato lungo.
Ottenuto così un cilindro stretto, tagliarlo in tre sezioni, sempre per il lungo, e formare con i tre lembi una vera e propria treccia.
Spennellare la forma ottenuta con poco olio, cospargerla di semini misti e riporla in forno sulla placca foderata di carta per la seconda lievitazione.
Trascorso il tempo necessario per il raddoppio del volume, cuocere il pane a 200° (ricordiamoci di estrarre la teglia e preriscaldare il forno) per trenta minuti circa. Dovrà aver ottenuto una bella doratura.
Controllate comunque sempre la cottura in base alle caratteristiche ed al comportamento del vostro forno!

13 Comments on Pane morbido ai semi

  1. Silvia Brisigotti
    19 ottobre 2015 at 18:57 (2 anni ago)

    Miticaaaa!! E quale modo migliore di rientrare se non con un buon pane!! Ottimo, adoro la Petra 3, è buonissima!!
    Un bacione e buona serata!

    Rispondi
  2. LisaG
    19 ottobre 2015 at 20:52 (2 anni ago)

    Come ti capisco, l'idea di dover allestire il set frena spesso anche me . A volte mi pare uno stress più che un piacere . comunque il tuo pane mi piace pazzamente e poi petra 3, tutti quei semini e il lievito madre essiccato li ho pure io !!!! A presto Leti

    Rispondi
    • ilrisottoperfetto
      22 ottobre 2015 at 13:22 (2 anni ago)

      Grazie Lisa! Sono felice tu mi capisca, a volta sembra così.. un bacione

      Rispondi
  3. consuelo tognetti
    20 ottobre 2015 at 11:03 (2 anni ago)

    Mi fa piacere che tu ti sia trovata bene con la Petra 🙂 come ben sai io l'adoro e ormai non riesco ad utilizzarne nessun'altra!
    Questo pane ha davvero un bell'aspetto 🙂 Bentornata <3<3<3

    Rispondi
    • ilrisottoperfetto
      22 ottobre 2015 at 13:21 (2 anni ago)

      E' meravigliosa, non so.. dona una consistenza speciale ai podotti! Grazie amica mia <3

      Rispondi
  4. Erica Di Paolo
    21 ottobre 2015 at 6:34 (2 anni ago)

    Oh se comprendo questa "pigrizia"!!!!!! Io, finito il momento pigrizia, adesso lotto con le priorità, il lavoro, gli impegni sempre crescenti e…. tutte quelle foto, il dover fotografare passo passo, correggere le foto, caricarle, scrivere…. uff. Ma ci sono cose per cui vale la pena fare tutto questo, e anche persone ^_^
    Questo pane è pazzesco, Leti. Alla lettura di quella farina ero già morta sul pc. Strepitosa tu <3

    Rispondi
    • ilrisottoperfetto
      22 ottobre 2015 at 13:20 (2 anni ago)

      Tesoro mio, e menomale che ci sono queste persone 😉
      Baci infiniti :*

      Rispondi
  5. sississima
    21 ottobre 2015 at 17:19 (2 anni ago)

    ecco un pane buono da provare quanto prima!! Un abbraccio SILVIA

    Rispondi
  6. speedy70
    21 ottobre 2015 at 20:56 (2 anni ago)

    Complimenti un bellissimo pane, adoro i semini!!!

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *