Primo viaggio al pronto soccorso pediatrico fatto. E io ho perso tipo 350 anni di vita.
Niente di grave, Ginevra ha solo la bronchiolite, cosa che pare essere molto diffusa tra i nanetti della sua età, ma varcare la soglia del pronto soccorso con lei non è stato bello, no no.
Bando alle ciance, lei sta piuttosto bene, tra dosi extra di coccole e tentativi di ribaltarsi come una tartaruga non se la passa mica male. Nemmeno la debilitazione la arresta, non sta ferma un secondo e ieri non smetteva di dispensare sorrisi a pediatri ed infermieri.
Io mi distraggo come al solito spignattando, l’unica attività che come nessun’ altra ha il potere di calmarmi. Questa volta gnocchi!! Ho deciso di farli con la farina di grano saraceno perchè la trovo molto particolare ed è l’ideale per mio marito e tutti coloro che soffrono di diabete grazie al basso indice glicemico.
Ingredienti per due porzioni:
  • 250 gr di farina di grano saraceno
  • 300 ml di acqua
  • 10 – 12 gamberi
  • 4 carciofi
  • uno spicchio d’aglio
  • olio extravergine
  • sale
  • prezzemolo
  • mezzo limone
Preparare gli gnocchi secondo questo procedimento .
Pulire i carciofi e farli riposare in acqua acidulata con il limone. Affettarli finemente e rosolarli poi in una padella antiaderente con uno spicchio d’aglio schiacciato e un filo d’olio per 10 minuti. Unire i gamberi e saltare per altri 4, 5 minuti a tenere da parte. Portare una pentola d’ acqua salata a bollore, tuffarvi gli gnocchi e, quando salgono a galla, spostarli con una schiumarola nella padella dei carciofi per mantecare tutto insieme a fuoco vivo un paio di minuti. Spolverizzare con una manciatina di prezzemolo fresco tritato.
Il grano saraceno ha un gusto deciso e molto, molto particolare, ha un nonsochè di affumicato, che ben si sposa con il carattere dal carciofo e contrasta con la dolcezza dei crostacei. Immancabile, un vino bianco secco!

29 Comments on Gnocchi di grano saraceno con carciofi e gamberi

  1. Maria Grazia
    18 gennaio 2014 at 17:08 (3 anni ago)

    La vivacità della tua piccola è segno che comunque sta meglio, Letizia. Come ti capisco! Sono episodi che ti lasciano senza forze. Grazie di averci regalato questi meravigliosi gnocchetti che provvederò a realizzare quanto prima.
    Un bacio grande
    MG

    Rispondi
    • ilrisottoperfetto
      18 gennaio 2014 at 17:12 (3 anni ago)

      Sono decisamente più debilitata io di lei, ed è solo l'inizio della mia vita da mamma! Grazie cara, un bacione e buon weekend!

      Rispondi
  2. giochidizucchero
    18 gennaio 2014 at 17:23 (3 anni ago)

    Piccolina!!!!! Chissa' che spavento tu, povera lety… mamma mia come ti capisco… con i cuccioli che non stanno bene noi mamme ci annientiamo… i tuoi gnocchi mi piacciono tantissimissimo cara. Un abbraccio! <3

    Rispondi
    • ilrisottoperfetto
      18 gennaio 2014 at 17:46 (3 anni ago)

      eh mannaggia si..ti si stringe davvero il cuore! Per fortuna non è niente, è più allegra che mai 🙂
      Un abbraccio a te :*

      Rispondi
  3. Francesca V
    18 gennaio 2014 at 19:25 (3 anni ago)

    Mamma mia che spavento, il nipotino del mio ragazzo ha un anno e ha passato il Natale all'ospedale per la polmonite…non è bello per niente vedere queste piccole creature sempre allegre e giocherellone in un letto d'ospedale…cmq ora lui sta meglio e anche la tua piccola…questo è l'importante…e poi con un piatto di gnocchi così lo stress è superato!Complimenti per la ricetta 🙂
    Baci,
    Francesca

    Rispondi
    • ilrisottoperfetto
      21 gennaio 2014 at 20:23 (3 anni ago)

      Ma sai che anche la figlia di una mia amica si è fatta il Natale in ospedale con la polmonite.. che periodaccio!

      Rispondi
  4. Emanuela Leveratto
    18 gennaio 2014 at 19:29 (3 anni ago)

    i bambini sono una forza nel vero senso della parola! avercela la loro energia pure quando stanno male! eh eh come un tartaruga! vorrei vederla che paciocchina che è ^__________________^ gli gnocchi che buoni, con la farina di farro non li ho mai fatti!

    Rispondi
  5. consuelo tognetti
    18 gennaio 2014 at 19:42 (3 anni ago)

    Oh tesoro, che brutta esperienza 🙁 sono felice però di sapere che tutto è finito x il meglio! Ginevra è una forza della natura proprio come la mamma ^_*
    Bellissimi gnocchi, adoro la farina di grano saraceno!
    Un bacio e buona domenica <3
    la zia Consu

    Rispondi
    • ilrisottoperfetto
      20 gennaio 2014 at 9:48 (3 anni ago)

      Grazie tesoro! Siamo ancora in ballo ma piano piano si migliora ^_^ Un bacione!!

      Rispondi
  6. La cucina di Esme
    18 gennaio 2014 at 21:51 (3 anni ago)

    un piattino stragustoso!
    Mi dispiace per la piccola spero guarisca prestissimo!
    buon we
    Alice

    Rispondi
  7. Mamilu
    18 gennaio 2014 at 22:43 (3 anni ago)

    Oh piccina, meno male che si è ripresa alla grande!!! Quando sono così piccoli, ma anche più grandini, ti assicuro…anche l'unghia incarnita ci fa sobbalzare :)!!! Grazie per le info che dai sempre in merito all'indice glicemico…è un argomento, che forse ti avevo già detto, mi tocca da vicino, avendo un fratello, magro e supersportivo con il diabete di tipo 1, scoperto da qualche anno!!! Un bacione a mamma e piccina, ciao ciao luisa

    Rispondi
    • ilrisottoperfetto
      20 gennaio 2014 at 9:51 (3 anni ago)

      Sto iniziando a sperimentare i "sobbalzi" da mamma… aiuto!!!
      Anche mio marito, tipo 1 scoperto quando aveva 28 anni. Sono contenta che queste dritte ti siano utili 🙂
      Bacione!

      Rispondi
    • Mamilu
      20 gennaio 2014 at 20:02 (3 anni ago)

      Anche mio fratello alla stessa eta'!!! Bacioni

      Rispondi
  8. L angolo della casalinga
    19 gennaio 2014 at 8:35 (3 anni ago)

    Sono felice che la piccola non abbia nulla di grave.. immagino quanto tu possa esserti agitata! Anche io uso la cucina come calmante….ha il potere di togliermi di dosso una intera giornata di stress!
    Dovrò tra l'altro provare i tuoi gnocchi, sono veramente molto invitanti…

    http://langolodellacasalinga.blogspot.it

    Rispondi
  9. edvige
    19 gennaio 2014 at 13:55 (3 anni ago)

    ..eh si le mamme sono sempre più apprensive…tutto bene allora sono contenta. Buoni i gnocchi con questa farina da noi si usa fare la polenta "taragna" con formaggio fuso. Ottima la tua versione come accompagnamento. Buona domenica.

    Rispondi
    • ilrisottoperfetto
      20 gennaio 2014 at 9:52 (3 anni ago)

      Che poesia la polenta taragna! Io la preferisco a quella classica, di gran lunga. Buona settimana!

      Rispondi
  10. Paprika e Cacao
    19 gennaio 2014 at 17:56 (3 anni ago)

    Bello questo contrasto tra la ruvidezza degli gnocchi e la nobiltà degli ingredienti che hai scelto per il condimento… Sei sempre più brava, Leti! Buono! 😀
    PS: spero che la piccola si sia ripresa! :-***

    Rispondi
    • ilrisottoperfetto
      20 gennaio 2014 at 9:53 (3 anni ago)

      Si,è un contrasto interessante.. da replicare assolutamente!
      Grazie tesoro, benritrovata 🙂

      Rispondi
  11. Michela Sassi
    20 gennaio 2014 at 6:50 (3 anni ago)

    Tu mi stupisci sempre di più, questi gnocchi sono sensazionali!
    Un bacione cara!

    Rispondi
  12. Enrica - Vado...in CUCINA
    20 gennaio 2014 at 11:50 (3 anni ago)

    gnam posso averne un piatto ora???? che fame 😉 buon lunedi e un bacio alla piccola Ginny

    Rispondi
  13. Simona Stentella
    20 gennaio 2014 at 22:33 (3 anni ago)

    Letizia, questo piatto è davvero uno spettacolo! Me lo segno e lo copio per il maritino….per me anche, ma senza gamberi purtroppo… 🙂

    Rispondi
  14. Dani
    21 gennaio 2014 at 12:20 (3 anni ago)

    Oddio immagino come deve essere stato! Io vado in paranoia per tutto, se mi capiterà ho dubbi sulla mia sopravvivenza… Per fortuna Ginevra sta bene 😀
    Ricetta appuntata! Per ora niente carciofi, ma a breve spero di poter tornare presto ad un'alimentazione normale !
    Baci a te e soprattutto alla piccola malatina <3

    Rispondi
    • ilrisottoperfetto
      21 gennaio 2014 at 20:26 (3 anni ago)

      Tu con un piccolino come la mia capisci.. anche io a volte penso di non poter sopravvivere, a se penso a quante svariate esperienze ci apetterano.. aiuto 😀
      Tanti baci anche a voi :*

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *