Innanzitutto chiedo venia per questa foto orribile scattata in fretta e furia col cellulare.
Doveva essere una pasta veloce per una cena dell’ ultimo momento, non immaginavo che ne venisse fuori qualcosa di così  interessante e buono, davvero buono.
Prima di raccontarvi cosa ho combinato, spendo due parole sul cavolo cappuccio, che è diventato il mio ortaggio preferito. Si sa, i cavolacei sono degli ottimi alleati salvasalute grazie alle proprietà antitumorali, al grande apporto vitaminico che ci aiuta ad affrontare l’inverno, al contenuto importante di acido folico e al ruolo chiave nella cura di coliti e disturbi intestinali.
Ingredienti:
  • 200 gr di paccheri di Gragnano
  • un quarto di cavolo cappuccio
  • tre pomodori secchi
  • olio extravergine
  • sale q.b.
  • uno spicchio d’aglio
Mentre l’ acqua della pasta bolle, saltare in padella il cavolo tagliato a striscioline con un filo d’olio e uno spicchio d’aglio schiacciato che poi toglieremo. Quando il cavolo sarà ben stufato, trasferirlo in un bicchiere alto e frullarlo con un frullatore a immersione aggiungendo un goccio d’acqua, e aggiustare di sale.
Nel frattempo, nella stessa padella, saltare con poco olio i pomodorini secchi precedentemente ammollati in acqua e sminuzzati al coltello, scolarci i paccheri una volta pronti, aggiungere la crema di cavolo e spadellare tutto insieme per qualche minuto.
Il gusto deciso del cavolo in abbinamento con la vivacità del pomodorino secco ha avvolto benissimo il pacchero. Ottima pasta invernale!

13 Comments on Paccheri con crema di cavolo cappuccio e pomodori secchi

  1. Emanuela Leveratto
    10 novembre 2013 at 18:38 (4 anni ago)

    pensa tu una foglia di cavolo cosa riesce a fare!! buona questa pasta! ^__^

    Rispondi
  2. consuelo tognetti
    10 novembre 2013 at 19:09 (4 anni ago)

    Non conoscevo queste proprietà antinfiammatorie, la natura ci viene sempre incontro! Mi fa piacere sapere che tu e la cucciola stia bene e questa pasta deve essere un piacere x il palato (anche del maritino!)
    Buona serata <3
    la zia Consu

    Rispondi
    • ilrisottoperfetto
      11 novembre 2013 at 17:45 (4 anni ago)

      E' proprio vero, la natura è dalla nostra… purtroppo siamo noi che non lo siamo 🙁
      un bacione tesoro!

      Rispondi
  3. Monica
    11 novembre 2013 at 14:47 (4 anni ago)

    Ricetta interessante! da provare. La tua foto fatta con il cell mi piace molto da l'idea del fatto e postato.
    Mi unisco volentieri ai tuoi lettori ciaoooooo

    Rispondi
  4. Valeria Della Fina
    11 novembre 2013 at 17:55 (4 anni ago)

    Questa pasta mi attira molto e la proverei più che volentieri!
    Un bacio! 🙂

    Rispondi
  5. Francesca Cartei
    12 novembre 2013 at 12:24 (4 anni ago)

    La faccio!!!! Mi fa una gola…baci a te e alla tua meraviglia. Saluta Tommaso

    Rispondi
    • Francesca Cartei
      12 novembre 2013 at 13:49 (4 anni ago)

      Si tutto bene, grazie! Anch'io ho avuto un pargoletto…ha già 14 mesi! Il tempo vola e, quindi, cerca di goderti più che puoi la tua piccina. Baci a voi

      Rispondi
  6. Nina
    12 novembre 2013 at 13:25 (4 anni ago)

    Ciao cara, che ricettina buona buona! Se ti va passa a trovarmi perchè c'è premio per te
    Un abbraccio
    Nina

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *