Ebbene si, ho fritto.
E’ una cosa rarissima a casa mia, anzi credo sia la prima volta che faccio un fritto degno di questo nome.
Non è proprio nelle mie corde, io sono per cotture più leggere e sane, e le abitudini alimentari che ho da un un bel po’ di mesi a questa parte non contemplano certo la frittura…
Ma non sono un’ asceta dell’ alimentazione dai, ogni tanto qualche schifezzuola non me la faccio scappare.
L’ altro ieri mi è stata recapitata a casa la cassetta di verdura ordinata su Agrimè, uno dei preziosissimi siti web che raggruppano l’ offerta di produttori locali di frutta, verdura, carne, formaggi e non solo; grazie a questa splendida iniziativa, anche chi vive in città e ha poco tempo può vedersi recapitati a casa o in punti concordati, prodotti freschi, genuini, a km zero e che arrivano direttamente dal produttore.
Io la trovo un’ idea formidabile ed estremamente educativa sotto tanti punti di vista.
Anche questa volta tra i miei acquisti ho trovato un bel sacchettone di fiori di zucchina in omaggio che aspettavano solo di essere fritti in pastella, e mi son detta “dai, perchè no, facciamo questo strappino alla regola”.
Il risultato è stato buonissimo e tutt’ altro che pesante!
Ingredienti:
  • fiori di zucchina
  • farina di riso q. b.
  • acqua gassata ghiacciata
  • pecorino fresco (o mozzarella o qualsiasi altro formaggio idoneo abbiate a portata di mano)
  • sale q.b.
  • olio di semi

Per il pesto di rucola:

  • rucola
  • olio extravergine
  • sale
  • mandorle
Pulire e lavare i fiori di zucchina eliminando il pistillo e tamponarli delicatamente con della carta assorbente per togliere l’ acqua in eccesso.
Preparare la pastella miscelando la farina di riso con l’ acqua frizzante e un pizzico di sale fino a che non si otterrà un composto non troppo liquido e leggermente elastico.
Mentre l’ olio di semi arriva a temperatura in un ampio tegame, riempire ogni fiore con un pezzettino di formaggio, intingerlo nella pastella in modo che ne sia completamente ricoperto e tuffarlo nell’ olio caldo.
Una volta dorati, adagiarli su carta assorbente.
Per il pesto di accompagnamento: frullare con un mixer ad immersione la rucola ben lavata e spezzettata insieme alle mandorle, un pizzico di sale e olio extravergine. Regolarsi con gli ingredienti assaggiando il composto.
Se dovesse risultare troppo denso si può aggiungere un pochino d’acqua.
Perfetto intramontabile finger food che mette d’accordo un po’ tutti, e la salsina di accompagnamento regala freschezza e contrasto!

29 Comments on Tempura di fiori di zucchina ripieni di pecorino fresco con pesto di rucola e mandorle

  1. L angolo della casalinga
    8 settembre 2013 at 15:31 (4 anni ago)

    Complimenti, molto interessante come ricetta! Anche da me il fritto è una rarità, in particolare cerco sempre di creare in forno piatti che tipicamente vanno fritti…

    Rispondi
    • ilrisottoperfetto
      8 settembre 2013 at 15:34 (4 anni ago)

      Lo faccio anche io, è impensabile pensare di mangiare sempre fritto.. Ma ogni tanto una piccola coccola gastronomica ce la meritiamo 🙂

      Rispondi
  2. Magda
    8 settembre 2013 at 15:42 (4 anni ago)

    Un fritto ogni tanto è un regalo che ognuno deve farsi…la ricetta è davvero fantastica!!!
    Non vedo l'ora di trovare anche io il mio Agrimè…è troppo importante fare attenzione a ciò che mangiamo!!

    Rispondi
    • ilrisottoperfetto
      8 settembre 2013 at 15:53 (4 anni ago)

      Ciao, benvenuta!
      Prova ad informarti per la tua zona, qui a Firenze non sono gli unici che fanno questo servizio 🙂

      Rispondi
    • Magda
      8 settembre 2013 at 20:05 (4 anni ago)

      Sì sto cercando qualcosa..sono ancora nuova del posto..pian piano avremo dei bei frutti freschi della terra!!

      Rispondi
  3. Maria Grazia
    8 settembre 2013 at 15:48 (4 anni ago)

    Ma sì, Letizia! Una frittura ogni tanto ce la possiamo concedere! Anche io utilizzo la farina di riso nella pastella e sono molto soddisfatta. Buonissimi i tuoi fiori di zucchina e presentati divinamente.
    Un caro saluto
    MG

    Rispondi
    • ilrisottoperfetto
      8 settembre 2013 at 15:54 (4 anni ago)

      Vero, trovo che renda la frittura più leggera.
      Grazie, buona domenica!

      Rispondi
  4. Francesca
    8 settembre 2013 at 16:06 (4 anni ago)

    Leti io è te siamo proprio sulla stessa lunghezza d'onda! Anche io come te alimentazione super sana con qualche schifezzina ogni tanto … Certo che nel caso dei tuoi fiori di zucca schifezzina non è la parola giusta, goduria papillogustativa piuttosto! Fico quel sito che hai segnalato, ora me lo vado a vedere e mi sa che ci scappa la spesa ;-))

    Rispondi
    • ilrisottoperfetto
      8 settembre 2013 at 16:29 (4 anni ago)

      Lo so Fra 😀
      E' vero, un fritto così è una vera goduria!
      Agrimè serve solo Firenze e limitrofi, a te che sei di Milano consiglio Cortilia, mia mamma fa la spesa lì 😉

      Rispondi
  5. Fragolina
    8 settembre 2013 at 17:50 (4 anni ago)

    a me il fritto piace tanto ^_^ però lo mangio una volta ogni due settimane circa e sempre accompagnato da mega insalate (ho l'impressione di peccare di meno ^_^) la tempura l'ho provata solo una volta qualche anno fa un disastro! però voglio riprovare con la farina di riso mai usata per friggere 🙂

    Rispondi
  6. Profumi e Sapori di casa
    8 settembre 2013 at 18:58 (4 anni ago)

    Ricettina davvero stuzzicante…e hai proprio ragione,un peccatuccio ogni tanto si può fare!
    Buona domenica (anche se ormai volge al termine…)
    Mara

    Rispondi
    • ilrisottoperfetto
      8 settembre 2013 at 20:10 (4 anni ago)

      Ciao Mara, buona domenica e buon inizio settimana anche a te!
      Anche lo spirito va nutrito ogni tanto 🙂

      Rispondi
  7. Annamaria
    8 settembre 2013 at 19:46 (4 anni ago)

    Ricetta interessante !!Complimenti per il blog ti seguirò volentieri:)
    Annamaria

    Rispondi
  8. An Lullaby
    8 settembre 2013 at 21:11 (4 anni ago)

    Wow! Il tuo blog è pieno di ricette particolari ed intriganti, proprio come questa! Ti seguo così non ne perdo più nemmeno una ;)Una piacevolissima sorpresa!:)

    Rispondi
    • ilrisottoperfetto
      8 settembre 2013 at 21:23 (4 anni ago)

      Ciao, benvenuta, sono felice ti sia unita ai miei lettori 🙂
      Grazie, presto!!

      Rispondi
  9. edvige
    9 settembre 2013 at 21:15 (4 anni ago)

    Il fritto con tempura è diverso del nostro bravissima. Mi sono aggiunta vengo da conosciamoci….buona settimana.

    Rispondi
  10. viola buttinelli
    10 settembre 2013 at 10:43 (4 anni ago)

    Bravissima, bel blog, molto raffinato, e gran gusto per i piatti…poi i fiori di zucca, meravigliosi e buonissimi…infatti siamo diventate tue follower…a presto!!!
    Le Tre Cucchiarelle

    Rispondi
  11. LisaG
    10 settembre 2013 at 14:33 (4 anni ago)

    meraviglia delle meraviglie. Come mi piacciono i fiori fritti. Mi hai fatto proprio venir voglia di farli . E poi chissa che buoni con il pesto.
    Ti seguo con vero piacere
    Un bacio Lisa

    Rispondi
  12. Licia
    10 settembre 2013 at 17:34 (4 anni ago)

    Eccomi pronta a ricambiare la visita cara,e per fortuna che sono passata altrimenti mi sarei persa questa bontà!

    Rispondi
  13. Paprika e Cacao
    13 settembre 2013 at 5:07 (4 anni ago)

    Il fritto è proprio una cosa che non mangio credo da anni e in cui non mi applico più… Però la tempura storicamente mi è sempre piaciuta molto proprio perchè leggera, croccante e asciutta… Anche l'impatto visivo mi piace molto e pure l'abbinamento col pesto di rucola, che a di per se una nota leggermente piccante… Il che potrebbe essere l'ideale in sostituzione del rafano! Buono, buono! Buona giornata, aspettando Ginevra! Baci
    Lore

    Rispondi
    • ilrisottoperfetto
      13 settembre 2013 at 7:52 (4 anni ago)

      Si, concordo il lieve piccantino si sposa benissimo!
      Buona giornata anche a te:*:*
      Manca pochissimo 🙂

      Rispondi
  14. Ketti
    16 novembre 2013 at 14:08 (4 anni ago)

    ottima ricetta! così stuzzicante! 😉

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *